Come aprire un conto corrente in Irlanda

Tipi di conto, banche irlandesi, spese, imposta di bollo e consigli. Ecco tutte le informazioni utili su come aprire un conto corrente in Irlanda.

conto corrente in irlanda

Aprire un conto corrente in Irlanda è un processo abbastanza semplice. Ma perché farlo?

Se ad esempio ti rechi a Dublino per un breve periodo, come una vacanza o per fare un corso di inglese, non è necessario aprire un conto corrente in Irlanda, ma basta il tuo bancomat o la tua carta prepagata, rilasciate da una banca italiana. Potrai infatti prelevare senza problemi presso gli sportelli ATM, pagare nei negozi e far fronte a tutte le spese ordinarie.

Se però ti trasferisci per cercare lavoro in Irlanda, nessun datore di lavoro ti pagherà lo stipendio su un conto corrente estero, ma dovrai aprirne uno in loco, che eventualmente ti servirà anche per pagare le utenze domestiche tramite addebiti diretti.

A questo punto, devi per forza sapere come aprire un conto corrente in Irlanda.

Tipi di conto

I due principali tipi di conti bancari irlandesi sono il classico conto corrente (bank account) e il conto deposito (savings account). Le differenze tra i due tipi di conto comprendono l’ammontare degli interessi pagati e l’accesso al conto per le operazioni giornaliere.

Conto deposito (savings account)

Un conto di deposito ti permette di accumulare risparmi e guadagnare interessi su quei soldi.

Prima di aprire un conto di deposito dovresti sapere quale tasso di interesse viene applicato e come puoi accedere al tuo denaro in caso di necessità.

Conto corrente (bank account)

I conti correnti sono offerti dalle banche e dalla posta (An Post). Di sicuro, questo tipo di conto è quello che dovrai aprire e di cui avrai bisogno almeno all’inizio. Puoi usare un conto corrente per gestire il tuo denaro quotidianamente, il che ti permetterà di:

  • pagare le bollette tramite addebito diretto;
  • ricevere pagamenti come lo stipendio;
  • trasferire denaro su un altro conto;
  • emettere bonifici;
  • avere una carta di debito
  • prelevare denaro dai bancomat

Alcuni conti correnti possono anche farti guadagnare degli interessi sul denaro che hai sul conto, anche se questo sarà probabilmente inferiore a quello di molti conti di deposito.

Conto corrente per studenti

Molte banche offrono un conto specifico per studenti, specialmente con incentivi in denaro o condizioni speciali. Tuttavia, bisogna sempre essere prudenti e leggere le condizioni contrattuali. Ad esempio, non bisogna farsi tentare dalla possibilità di avere una carta di credito se non c’è un reale bisogno.

Per aprire un conto bancario per studenti dovrai fornire la prova della tua iscrizione al college o all’università.

Come aprire un conto corrente

Ci sono tre documenti che bisogna avere per aprire un conto corrente in Irlanda:

  • documenti di identificazione
  • prova di residenza in Irlanda
  • PPS Number

Tra di documenti di identificazione, è opportuno averne con sé almeno due tra: carta d’identità (italiana), passaporto, patente di guida. Ovviamente tutti devono essere in corso di validità.

Per quanto riguarda la prova di residenza, puoi usare una delle bollette irlandesi a te intestate, ad esempio per l’utenza del gas o per la fornitura di elettricità, o qualche comunicazione ufficiale che ti è stata spedita, o il contratto di affitto che hai stipulato. Tutti devono essere recenti.

Il PPS Number è il codice fiscale irlandese che devi avere per poter lavorare. Nota bene che puoi usare la lettera che ti hanno inviato per comunicarti il numero PPS come prova di residenza.

Tieni presente che alcuni istituti di credito, oltre a quanto sopra, richiedono anche una copia del contratto di lavoro.

Se stai facendo domanda per un conto per studenti, puoi anche usare una lettera su carta intestata del tuo college o della tua università che confermi che sei uno studente e che abiti ad un certo indirizzo. Questa lettera deve essere datata e firmata dall’ufficio amministrativo del college.

Quale banca scegliere

Le banche irlandesi dove aprire un conto corrente sono:

A dire il vero, esiste anche la KBC, ma è una banca che ha manifestato l’intenzione di lasciare il mercato irlandese, nel prossimo futuro.

Quando si sceglie una banca, è importante informarsi bene per valutare le migliori offerte. Per evitare di pagare commissioni elevate, alcune banche propongono l’azzeramento dei costi a determinate condizioni, come ad esempio, avere un importo minimo sul conto corrente e/o depositare un importo minimo mensile. Altre non applicano dei costi per un determinato periodo inziale, per poi rivalersi nel corso del tempo.

A mio avviso, non c’è una banca migliore di un’altra, ma esistono solo prodotti differenti che non è possibile comparare qua, in quanto aggiornati molto spesso.

Per mia esperienza (ho aperto un conto corrente in Irlanda 2 volte!) Permanent TSB è forse la banca più modesta, ma sotto certi aspetti la più economica, in quanto cerca di essere più vantaggiosa possibile specialmente per gli stranieri.

Costi e spese di conto corrente

Come in Italia, anche in Irlanda il conto corrente può avere delle spese. Prima di aprire un conto, la banca dovrebbe darti un documento informativo sui costi. Questo documento mostra i servizi presenti sul conto e le relative spese che potresti dover pagare.

La banca potrebbe addebitare le seguenti commissioni e spese:

  • commissioni di prelievo dal bancomat (anche presso altre banche);
  • commissioni di acquisto con carta di debito;
  • commissioni per l’uso di carte di credito;
  • spese per l’emissione di bonifici (in Irlanda e all’estero);
  • spese per il libretto d’assegni;
  • spese per il duplicato di carte (a seguito di smarrimento);
  • spese per operazioni allo sportello;
  • spese per operazioni online;
  • spese per l’invio di estratto conto o altri documenti.

Se vuoi un consiglio, verifica che l’utilizzo del bancomat (per prelievi e pagamenti) sia gratuito, così come le operazioni che effettuerai online (soprattutto se devi inviare dei bonifici in Italia). Inoltre, non richiedere dei servizi accessori non indispensabili come la carta di credito. Questo ti permetterà di avere un parametro per valutare quale conto, presso qualsiasi banca, ti è realmente conveniente.

Imposta di bollo irlandese

Ci sono alcune imposte di bollo che la banca è obbligata per legge a riscuotere. Le tasse governative sono addebitate su ogni conto anche se si ha diritto a transazioni gratuite sul conto stesso. Secondo la legislazione vigente, in Irlanda si applicano le seguenti imposte di bollo:

  • per gli assegni: 0,50 € per assegno
  • per le carte di debito: 0,12 € per ogni prelievo presso uno sportello bancomat (ATM).

L’imposta di bollo governativa si applica solo alle transazioni ATM effettuate nel territorio della Repubblica d’Irlanda (quindi è esclusa l’Irlanda del Nord). Questa tassa ha un tetto massimo di 2,50 € se si utilizza la carta di debito solo per le transazioni presso gli ATM e un tetto massimo di 5 € se viene utilizzata anche per gli acquisti.

  • per le carte di credito: 30 € per ogni carta posseduta.

Conclusioni

Se ti eri chiesto come aprire un conto corrente in Irlanda, avrai notato che è abbastanza semplice. Basta avere i documenti adatti per fare la richiesta.

Alcune banche permettono di richiedere l’apertura del conto tramite web. In questo caso è necessario scaricare la modulistica e seguire le indicazioni contenute.

Secondo me, è molto più semplice e immediato recarsi in filiale. Magari una filiale vicino a dove lavori o dove abiti. Facendo così, esamineranno immediatamente i tuoi documenti e l’apertura del conto corrente sarà pressoché immediata.

Indicativamente, in Irlanda le banche aprono alle 10:00 e chiudono alle 16:00/17:00, con orario continuato almeno nelle grandi città come Dublino.

Quando apri il tuo conto bancario, ti verrà dato un National Sort Code (NSC). Questo codice di 6 cifre identifica sia la banca sia la filiale in cui si trova il conto. Se vuoi fare un bonifico all’interno della Repubblica d’Irlanda (per esempio per pagare l’affitto), ti verrà chiesto di fornire l’NSC insieme al tuo numero di conto corrente.

Se vuoi effettuare dei trasferimenti di denaro, ad esempio un bonifico verso l’Italia, hai bisogno di un conto con funzionalità SEPA. A tal proposito il tuo conto corrente dovrà essere dotato di un codice BIC e di un Codice IBAN. Chiedi conferma alla banca prima di aprire il conto.

Infine, ricorda che quanto ti ho indicato fin qua, ti è utile per sapere come aprire un conto corrente in Irlanda, ovvero Repubblica d’Irlanda, e non in Irlanda del Nord.

Condividi con chi vuoi